Non è stato un suicidio, la verità sulla  morte di David Rossi si sta avvicinando. Daniele Pesco, deputato del  M5S, ne è convinto e lo ha detto a chiare lettere oggi in una  conferenza stampa dei cinquestelle sul collasso finanziario della  Banca di Siena, che si è svolta alla Camera.       

"Montepaschi - ha dichiarato Pesco - è la banca più antica del mondo,  ha resistito alle guerre ma non ha resistito al malgoverno della  politica e nello specifico al Pd e ai partiti che nell'ultimo  ventennio lo hanno preceduto con altre denominazioni. Non lo dico io  ma le inchieste della magistratura. Le responsabilità non sono  riferite solo alla dilapidazione del patrimonio della banca e  all'erogazione di prestiti facili che hanno generato un buco di 47 mld di euro".       

"Nel Mps - ha aggiunto - sono successe cose molto più gravi. Mi  riferisco alla vicenda di David Rossi", il manager della banca trovato morto la sera del 6 dicembre 2013 in una stradina adiacente alla sede  dell'istituto, su cui si affacciava la finestra dello studio, dalla  quale Rossi si sarebbe gettato, suicidandosi. Rossi aveva detto che  voleva parlare con i magistrati, riguardo alla gestione finanziaria  della Banca. Guarda caso Rossi dai magistrati non ci è mai arrivato,  perché è morto".       

 "C'è ancora qualcuno che pensa che Rossi si è davvero  suicidato? Il fascicolo sul caso di David Rossi -?ha ricordato Pesco - è stato riaperto e dal supplemento di indagine non è risultato che  Rossi sia stato ammazzato ma sul suo corpo sono stati evidenziati i  segni chiari di una colluttazione, avvenuta prima della morte".       

"Non possiamo ancora dire che questa persona sia stata ammazzata ma ci stiamo avvicinando. Dobbiamo confidare nella magistratura, anche se  quella di Siena non è che ci dia tanto affidamento. Non diciamo che il Pd sia responsabile di questa morte ma diciamo che è senz'altro  responsabile della conduzione scellerata della banca, che ha condotto  alla morte. Quindi, di conseguenza, noi pensiamo che il Pd non abbia  alcun titolo e alcun diritto di poter decidere sulla vita o sulla  morte di Mps".       

Oltre a Pesco, alla conferenza stampa hanno partecipato i deputati  Alessandro Di Battista e Alessio Villarosa e i senatori Laura Bottici  e Carlo Martelli.     

Fonte AdnKronos
CONDIVIDI