Roma, 12 feb. (AdnKronos) - Un progetto dalla redditività "fortemente negativa" che presenta un conto di 7-8 miliardi di euro e un impatto sulla finanze pubbliche tra i 10 e i 16 miliardi. Il verdetto sulla Tav è arrivato e, come era nelle previsioni, le 78 pagine dell'analisi costi-benefici, redatta dal gruppo di lavoro incaricato dal ministero delle Infrastrutture e Trasporti, contiene una sonora bocciatura del collegamento ferroviario Torino-Lione. Una relazione dalla quale emerge che i costi dell'opera sono di gran lunga superiori ai benefici, con un saldo negativo che arriva fino agli 8 miliardi, e anche nel caso della mini Tav, cioè escludendo la tratta Avigliana-Orbassano, l'impatto negativo si riduce, comunque, di poco.

Fonte AdnKronos
CONDIVIDI