(AdnKronos) - Sul fronte dei costi lo standard ferroviario europeo è "sicuramente" utile sulla direttrice Italia-Francia, perché "i numeri in termini di interscambio sono elevati e il differenziale di costo sarebbe notevole, perché si potrebbero ridurre i costi di circa il 40% rispetto alla tratta su strada". Nelle relazioni tra Italia e Francia, e quindi verso Spagna e Gran Bretagna, al momento il 93% dei traffici passa su strada, con "un sistema di autotrasporto basato su imprese dell'Europa Centro-Orientale, che sfruttano notevolmente i propri dipendenti", spiega Baccelli. E in Italia e Francia il traffico gestito da autotrasportatori di altre nazioni "è quasi il 90%".

Fonte AdnKronos
CONDIVIDI