"Qualcuno ha trasformato il racconto di  questa Commissione in una caccia all'uomo, anzi alla donna. Ma ognuno  è responsabile di ciò che fa: il Pd fa bene a insistere per fare  chiarezza". Maria Elena Boschi lo dice   ribadendo la sua posizione sul caso Banca Etruria: "Non sono stata io  a chiedere di acquisire. Io mi sono informata sul se, non ho chiesto  di. É una informazione, non una pressione. C'è una differenza  abissale"       

"I miei contatti con queste persone sono talmente segreti da essere o  nei palazzi istituzionali o in sedi pubbliche. Vegas, Visco e Ghizzoni dicono che il mio comportamento è stato corretto e normale. Ma davvero vi sembra una notizia che un ministro incontri il capo della Consob o  un alto dirigente di Banca d'Italia o un amministratore delegato? Per  di più una persona che è suo malgrado spesso seguita da fotografi",  ricorda la sottosegretaria alla presidenza del Consiglio.       

"Il tentativo è quello di trovare un ottimo capro espiatorio per non  discutere delle vere vicende che hanno riguardato il sistema bancario  italiano. Io non mi faccio utilizzare come foglia di fico per coprire  chi ha sbagliato in questi anni", conclude Boschi.  

CONDIVIDI