"Gli imprenditori verranno quando le  banche saranno a posto, non oggi perché, con la crisi di mercato e la  possibilità che lo Stato intervenga in ogni momento, l'investimento  sarebbe fra i peggiori". Lo ha detto oggi il presidente della Regione  Veneto, Luca Zaia, a margine di un incontro elettorale, rispondendo ad una domanda sul futuro delle due ex popolari venete.       

Per Zaia l'unica soluzione percorribile oggi è quella di "un colpo di  reni con un intervento dello Stato" senza chiedere il via libera alla  Ue.     

CONDIVIDI