''La questione legale della mia posizione amministrativa è stata decisa e validata da ben quattro istituzioni,  Commissione europea, Presidenza del Consiglio, Presidenza della  Repubblica e Corte dei Conti, e non necessita miei commenti ulteriori. La questione è quindi solo politica". Così il Presidente Mario Nava  motiva, in una dichiarazione scritta, le proprie dimissioni.  "Responsabilmente quindi, senza alcuna vena polemica, e avendo come  unico obiettivo l'interesse più alto dell'Italia, rimetto con  dispiacere le mie dimissioni da Presidente della Consob informandone  la Commissione ai sensi dell'articolo 4.3 del Regolamento Consob", 

"La Consob è indipendente, ma non può essere isolata.  Consob deve poter lavorare non solo con le altre autorità  indipendenti, ma anche con le istituzioni politiche.Sono stato  chiamato a questo incarico in quanto esperto autorevole delle norme e  dei regolamenti finanziari europei che disciplinano il mercato  italiano. Sono stato chiamato con l'obiettivo di rilanciare il mercato e rilanciare l'Autorità nelle sue funzioni di vigilanza e protezione  del risparmio e dell'investimento. Sono stato chiamato con l'obiettivo di integrare la Consob meglio nei vari consessi europei e  internazionali. Ho accettato l'incarico con gioia e entusiasmo",  prosegue.      

  "Ora però queste mie caratteristiche e questi obiettivi sembrano  essere considerati un insormontabile ostacolo.La richiesta di  dimissioni per ''sensibilità istituzionale'' da parte dei quattro  capigruppo di Camera e Senato dei due partiti di maggioranza sono un  segnale chiaro e inequivocabile di totale non gradimento politico. Il  non gradimento politico limita l'azione della Consob in quanto la  isola e non permette il raggiungimento degli obiettivi sopra  ricordati", dice ancora Nava.       

"Responsabilmente quindi, senza alcuna vena polemica, e avendo come  unico obiettivo l'interesse più alto dell'Italia, rimetto con  dispiacere le mie dimissioni da Presidente della Consob informandone  la Commissione ai sensi dell'articolo 4.3 del Regolamento Consob".     

"Sono certo che il mio sacrificio personale rasserenerà  gli animi, dimostrerà quanto tengo personalmente all'indipendenza di  questa Autorità al di là dei miei interessi personali, e permetterà al Governo di indicare un Presidente con caratteristiche ad esso più  congeniali", continua Nava chiudendo con alcuni ringraziamenti.        "Voglio ringraziare il Personale della Consob che nella sua stragrande maggioranza si è dimostrato di altissimo livello e dotato di  grandissima professionalità. In pochi mesi abbiamo intrapreso  tantissime azioni, in tema di vigilanza, di ispezioni, di sanzioni, di tutela del consumatore, di cooperazione con la Banca d'Italia, di  riforme interne, di arbitro finanziario, in materia di cooperazione  internazionale e abbiamo impostato le sei priorità per il Piano  operativo 2019-2021, che mi auguro sarà portato avanti con  determinazione dal mio successore".       

E ancora, aggiunge, "voglio ringraziare tutti gli operatori di mercato che ho incontrato in questo periodo, e che mi hanno dimostrato una  grande voglia di ben fare e agire in questo paese.Voglio ringraziare  il Ministro Padoan e il Presidente Gentiloni e soprattutto il  Presidente della Repubblica Sergio Mattarella per la fiducia riposta  in me e per il loro costante supporto e vicinanza durante questo  periodo".   

"Capisco Mario Nava. Un tecnico troppo  bravo e troppo autonomo per l'attuale governo. Peccato davvero per la  #Consob". Lo scrive Paolo Gentiloni su Twitter.       

 "Apprendiamo con soddisfazione la  decisione di Mario Nava di rassegnare le dimissioni da Presidente  della Consob. Un atto dovuto, conseguente al contributo informativo e  alla pressione che, senza mai fermarci, abbiamo realizzato in questi  mesi. Questo lavoro di pulizia permetterà di garantire ai  risparmiatori un efficace ed imparziale controllo del sistema  finanziario nazionale. La nostra vittoria è dedicata a loro''. Lo  dichiarano i deputati M5S della commissione Finanze della Camera.   

CONDIVIDI