25 OTT. - E? stato firmato tra il Mipaaf, le Regioni, i Comuni, l?Agenzia del Demanio e Ismea, il protocollo d?intesa ?Terrevive? per la vendita e l?affitto dei terreni demaniali. In base al protocollo, le terre improduttive di proprietà dello Stato saranno cedute in affitto o vendute ai giovani imprenditori agricoli, che, secondo recenti valutazioni e rilevazioni, sono disponibili a trovare nell'agricoltura e nelle attività ad essa collegate, nuove fonti di reddito. La firma del protocollo rappresenta la seconda fase del progetto "#Terrevive" dopo l?entrata in vigore del decreto ministeriale di luglio con cui erano stati sbloccati l?affitto e la vendita di 5.500 ettari di terreni di proprietà dello Stato destinati, in prelazione, ai giovani agricoltori. I giovani agricoltori possono trovare online la prima parte del bando ?Terrevive? sul sito dell?Agenzia del Demanio. Con la fase due del progetto vengono coinvolte direttamente Regioni e Comuni che hanno un potenziale di terre riconvertibili molto alto al Nord come al Sud. ?Questo sforzo - ha affermato il ministro Martina -, accanto alle Banche della terra che stanno nascendo in diverse Regioni, consentirà di liberare ettari ed ettari di terre oggi improduttive, riportandole dove devono stare: nelle disponibilità quotidiane degli agricoltori per continuare a produrre?. Con questo accordo viene anche formalizzata la ricomposizione fondiaria attraverso il conferimento all?Agenzia del Demanio del mandato irrevocabile a vendere o cedere in locazione i terreni agricoli delle istituzioni locali o, in alternativa, attraverso le operazioni fondiarie operate da Ismea

CONDIVIDI