Nei primi due trimestri del 2018 è  proseguita la crescita economica del Mezzogiorno e del Nord Ovest,  mentre e si è arrestata nelle altre due macroaree Nord Est e Centro.  E' quanto emerge da una ricerca della Banca d'Italia, che si basa sul  nuovo indicatore prodotto per valutare trimestralmente l'attività  economica regionale (Iter) e che divide il Paese in 4 aree.       

Gli investimenti, spiegano da via Nazionale, hanno continuato invece a crescere nei primi due trimestri del 2018 in tutte le aree. Mentre si  è indebolito il sostegno della domanda estera: le esportazioni hanno  rallentato in tutte le aree, soprattutto al Centro.       

Guardando indietro al 2017, la crescita ha riguardato tutte le aree  del Paese, risultando più intensa nelle regioni del Centro Nord. Gli  aumenti dello scorso anno, illustra più nel dettaglio Bankitalia, sono stati sostenuti dalla favorevole dinamica delle esportazioni, il cui  impatto sull'attività economica è risultato più forte nelle regioni  del Centro Nord, e dalla crescita degli investimenti in tutte le aree. Nel Mezzogiorno rimane ampio il ritardo di crescita rispetto al resto  del Paese: l'area, spiega nella ricerca Bankitalia, è ancora lontano  dal recuperare i livelli di attività pre-crisi. In quest'area il Pil  risulta ancora nove punti percentuali inferiore a quello del 2007 (nel Centro Nord il Pil è inferiore di 4 punti rispetto a quello del 2007).       

- Nel corso del 2017 e nel primo semestre del 2018,  continua la Banca d'Italia, il miglioramento nella qualità del credito alle imprese è stato più intenso nel Mezzogiorno. La crescita dei  prestiti alle imprese, che a dicembre 2017 caratterizzava in maniera  significativa solo il Nord Ovest, si è successivamente estesa anche al Sud, mentre al Centro e al Nord Est è invece rimasta pressoché nulla.       

Il tasso di deterioramento dei prestiti alle imprese, che come ricorda Bankitalia è una misura della qualità del credito, è aumentato in  tutte le aree tra il 2008 e il 2013 ma l'incremento è stato più forte  nel Mezzogiorno; negli anni successivi la qualità del credito è  migliorata ovunque. Nel corso del 2017 e nei primi mesi del 2018 tale  miglioramento è stato tuttavia più intenso nel Mezzogiorno  permettendogli di recuperare buona parte dello svantaggio  precedentemente accumulato. 

CONDIVIDI