Andres Manuel Lopez  Obrador, noto come Amlo, è il nuovo presidente del Messico. Secondo  quanto reso noto dall'autorità elettorale, il nazionalista di sinistra ha ottenuto il 53% dei voti.

Secondo il presidente dell'Istituto nazionale elettorale (Ine),Lorenzo Cordova, sulla base delle proiezioni relative a 7.800  seggi, Amlo - al suo terzo tentativo per conquistare la presidenza  della Repubblica - ha ottenuto tra il 53 ed il 53,8% dei voti, quasi  il 30% in più rispetto al secondo classificato, Ricardo Anaya.       

A capo di una coalizione di centrodestra-centrosinistra, Anaya si è  infatti fermato ad una cifra compresa tra il 22,1 ed il 22,8% dei  voti, seguito da José Antonio Meade, il candidato del presidente  uscente Enrique Pena Nieto, che ha ottenuto tra il 15,7 ed il 16,3%  dei consensi.     

Oggi è "un giorno  storico". Così Andres Manuel Lopez Obrador ha commentato l'esito del  voto presidenziale in Messico, che lo ha visto trionfare con il 53%  dei voti. Fra i primi a congratularsi con il nuovo capo dello Stato,  il presidente uscente Enrique Pena Nieto, che gli ha augurato ogni  successo "per il bene del Messico". "Sono sicuro che tutti i messicani auspicano una presidenza di successo", ha scritto in un messaggio, in  cui ha dato conto di una telefonata con Lopez Obrador.    

"Pace e tranquillità sono il frutto della  giustizia", ha detto Lopez Obrador parlando davanti a migliaia di suoi sostenitori allo Zocalo, la piazza simbolo di Città del Messico, e  promettendo "un piano di riconciliazione e di pace". "Dallo Zocalo,  cuore politico, sociale e culturale della nostra Repubblica - ha  continuato Amlo, invocato al grido di 'Presidente, Presidente' e  mentre risuonavano le note di 'Cielito lindo' - un saluto a tutti i  messicani".      

  "Sì, si può", ha poi scandito, riecheggiando lo slogan di Barack  Obama, "Yes, we can". E a proposito delle relazioni con gli Stati  Uniti, il nuovo presidente ha assicurato di voler lavorare per "un  rapporto di amicizia e collaborazione", ma basato sul "rispetto  reciproco".        

CONDIVIDI