"Sono straziato per la vita che è  stata persa". Lo ha scritto su Twitter il sindaco di Charlottesville  Mike Signer, confermando la notizia di un morto negli scontri tra  suprematisti bianchi e manifestanti anti-razzisti. Signer, che si è  detto "furioso" e addolorato per l'episodio dell'auto che si è  lanciata contro la folla dei manifestanti facendo molti feriti, ha  invitato "tutte le persone di buona volontà ad andare a casa" e ha  ringraziato il presidente Usa Donald Trump per le parole di condanna  su quanto accaduto in Virginia. 

L'auto che si è lanciata contro la  folla a Charlottesville ha colpito i manifestanti anti razzisti che  protestavano contro il raduno dei suprematisti bianchi, riferiscono i  media locali. Il Washington post parla di sei feriti.       

A quanto si vede nelle riprese di un video girato da  Rebelutionary_Z, un'organismo di giornalismo di cittadini  indipendenti, l'auto si è deliberatamente diretta contro i  manifestanti e altre automobili, prima di fare marcia indietro e  allontanarsi a tutta velocità.       

A terra  sono rimaste pozze di sangue e scarpe abbandonate. Alcune persone  ferite sono state colpite dall'auto e schiacciate contro altre  automobili.