Armare gli insegnanti per reagire in caso di attacco in una scuola. E' l'ipotesi al vaglio del presidente  degli Stati Uniti, Donald Trump, per evitare stragi come quella del  giorno di San Valentino in una scuola di Parkland, in Florida, in cui  sono morte 17 persone. "Capisco che è un'ipotesi controversa, ma siamo qui per ascoltare", ha detto il leader Usa durante un incontro alla  Casa Bianca con studenti, docenti e genitori del liceo Douglas.       

"Una zona senza armi, per un maniaco è un invito a entrare e attaccare perché sono tutti codardi. Ma se ci fossero degli insegnanti capaci di usare le armi da fuoco, questi potrebbero mettere fine all'attacco  molto velocemente", ha affermato Trump, aggiungendo che questo  "varrebbe solo per quei i professori che hanno frequentato un  addestramento speciale".       

Il presidente repubblicano ha anche appoggiato le richieste per  migliorare i controlli sui detentori di armi o potenziali tali.  "Saremo molto duri sulle verifiche di background e porremo un'enfasi  molto forte sulla salute mentale", ha detto, menzionando anche la  possibilità di alzare i limiti di età per l'acquisto di armi.  "Ascoltiamo, poi ci mettiamo subito al lavoro. E non solo a parole  come in passato. Lo risolveremo", ha affermato.       

CONDIVIDI