Gli Usa "non ci lasciano altra scelta se non procedere con un ricorso all'Organizzazione Mondiale del  Commercio e con l'imposizione di dazi aggiuntivi su una serie di  importazioni" da oltreatlantico. "Difenderemo gli interessi  dell'Unione, nel pieno rispetto del diritto commerciale  internazionale". Lo afferma il presidente della Commissione Europea  Jean-Claude Juncker in una nota.

- "Nei mesi scorsi - continua Juncker - ci siamo impegnati con continuità con gli Usa a tutti i livelli possibili, per affrontare congiuntamente il problema dell'eccesso di capacità produttiva nel  settore siderurgico. Eccesso di capacità che resta il cuore del  problema: l'Ue non ne è la fonte, ma, al contrario, ne è danneggiata".       

"E' per questo - prosegue - che siamo determinati a lavorare per  trovare soluzioni strutturali, insieme ai nostri partner. Abbiamo  anche, coerentemente, indicato la nostra apertura a discutere dei modi di migliorare le relazioni commerciali bilaterali con gli Usa, ma  abbiamo anche chiarito che l'Ue non negozierà sotto minaccia".        "Prendendo di mira coloro che non sono responsabili della  sovracapacità, gli Usa fanno il gioco di coloro che hanno creato il  problema", conclude.  

 

CONDIVIDI