M5S al lavoro su più fronti in vista delle  prossime elezioni europee. Nella periferia di Parigi, Luigi Di Maio e  Alessandro Di Battista oggi hanno incontrato Christophe Chalençon,  leader dei gilet gialli, e i candidati della lista Ric di Ingrid  Levavasseur. Presenti anche gli europarlamentari 5 Stelle Fabio  Massimo Castaldo, Tiziana Beghin e Ignazio Corrao. L'incontro, rende  noto l'ufficio stampa del vicepremier grillino, si è svolto in un  "clima di grande entusiasmo" e sarà replicato a Roma nelle prossime  settimane.       

 

 

Ma oltre alla costruzione del network di alleanze in sede Ue, c'è  un'altra partita da giocare: quella delle candidature. Le primarie  online per la selezione dei candidati da schierare alle europee si  terranno molto presto. E in vista del voto, l'Associazione Rousseau -  che gestisce la piattaforma della democrazia diretta grillina - ha  lanciato un 'Supporto Live' per le iscrizioni al MoVimento 5 Stelle,  propedeutiche alle candidature.       

"Oggi, mercoledì 6 febbraio, dalle ore 11:00 alle ore 13:00  risponderemo in tempo reale a tutti i messaggi privati che arriveranno sulla pagina Facebook dell'Associazione Rousseau. Le votazioni online  su Rousseau per scegliere i nostri portavoce in Europa sono alle  porte. Per poter sottoporre la propria candidatura sarà necessario,  come sempre, aver completato l'iscrizione al MoVimento 5 Stelle ed  essere, quindi, un iscritto certificato", si legge in un post  dell'Associazione pubblicato sul Blog delle Stelle.  

Intanto Di Maio continua a tessere la sua tela di  alleanze per il decisivo voto di maggio. Nei progetti del capo  politico pentastellato il M5S punta a diventare l'ago della bilancia  della prossima legislatura Ue. E i gilet gialli - che da mesi tengono  sotto scacco il governo di Emmanuel Macron con le loro proteste -  possono rivelarsi un prezioso tassello del mosaico.       

"Il vento del cambiamento ha valicato le Alpi", scrive Di Maio sui  social postando la foto dell'incontro di oggi con i gilet: "il primo  di tanti", sottolinea il titolare del Mise, "in cui abbiamo parlato  dei nostri Paesi, dei diritti sociali, di ambiente e di democrazia  diretta".       

Il colloquio di ieri in terra francese segue il 'blitz' di inizio  gennaio a Bruxelles, dove Di Maio ha incontrato il polacco Pawel  Kukiz, il croato Ivan Sincic e la finlandese Karolina Kahonen: ovvero  i leader di alcune delle forze politiche con cui il Movimento 5 Stelle sta lavorando alla costituzione del nuovo gruppo a Strasburgo.     

CONDIVIDI