Emmanuel Macron 'in marcia' verso  una maggioranza schiacciante. Titola così Le Figaro all'indomani del  primo turno delle legislative francesi che , secondo i dati  definitivi, ha visto il partito "Republique en marche" (LRM) del  presidente francese Emmanuel Macron arrivare al 32,3%. Secondo un  sondaggio Kantar Public-onepoint, Lrm e i suoi alleati centristi si  avviano a conquistare fra 400 e 440 seggi sui 577 dell'Assemblea  Nazionale con i ballottaggi di domenica prossima. Il voto è però  segnato anche da una astensione record, che raggiunge il 51,29%. Solo  tre deputati sono stati eletti al primo turno, per tutti gli altri 574 bisognerà aspettare il ballottaggio.       

I grandi perdenti del voto sono i socialisti, che si attestano su un  deludente 9,5% e non possono aspirare a più di 15-25 seggi, rispetto  ai 292 della precedente legislatura quando era presidente Francois  Hollande. Delusione anche per il Front National di Marine le Pen, che  raccoglie il 13,2%, ben al di sotto del 21,3% che aveva ottenuto al  primo turno delle presidenziali. Secondo i sondaggi, al ballottaggio  potrebbe ottenere fra uno e quattro seggi.       

Poco entusiasmante anche la performance della sinistra radicale di  Jean Luc Melenchon, che ottiene soltanto l'11% e potrebbe arrivare a  13-23 seggi assieme al partito comunista suo alleato. Il leader di  France Insoumise era stato la sorpresa del primo turno delle  presidenziali con il 19,6%. La vera forza di opposizione sarà il  centro destra dei Les Republicains, che però si ferma al 21,6% e  potrebbe perdere un quarto o addirittura la metà dei seggi,  attestandosi fra 95 e 132 deputati.          

CONDIVIDI