"Se M5S e Lega continuano a crescere  insieme e a confermare il consenso del Paese, questo governo può  durare cinque anni. Il 4 marzo si è chiusa per sempre una  fase. Ereditiamo un'Italia divisa, e perfino lacerata da un  referendum costituzionale sbagliato. A noi  tocca provare a ricucire   Paese su nuove basi". Lo dice il presidente del Consiglio, Giuseppe  Conte e aggiunge:

"Il ministro Tria è il cerbero dei conti,  il loro custode arcigno. Ma non esiste che lasci il governo.  Attenzione, peraltro, a non considerarlo un corpo estraneo a questo  esecutivo. E' parte attiva e coinvolta nel tentativo di ottenere  dall'Europa spazi di manovra che ci permettano di cambiare le cose". 

"L'Europa procede a scatti, tra periodi di stasi e passi avanti. Questo è il momento di farla scattare uscendo da una situazione in cui langue. Altrimenti diventa l'Europa dei gruppi  regionali di cinque, sei Paesi. E sarebbe una regressione geopolitica. Stiamo cercando di restituire centralità al Mediterraneo,  marginalizzato dall'allargamento a Nord e a Est".

"Ho detto a Emanuel Macron che non  avalleremo forzature e fughe in avanti, e che in Libia le elezioni  debbono avvenire solo dopo che le varie parti di quel Paese si sono  riconciliate. Su questo uno dei nostri principali interlocutori rimane la Germania".

      

 

 

 

CONDIVIDI