"Con il referendum costituzionale Erdogan  ha chiuso le porte all'Europa. Un altro duro colpo contro la  democrazia e lo Stato di diritto. Chiediamo al Consiglio europeo di  prevedere tutte le misure per sospendere i negoziati di adesione  all'UE una volta che la Turchia avrà deciso di attuare i 18  emendamenti costituzionali". Lo dichiara Gianni Pittella, presidente  del Gruppo S&D nel Parlamento europeo.       

"Sono stati denunciati brogli e irregolarità che gettano un'ombra  sull'esito del referendum. Restiamo convinti che la maggior parte dei  cittadini turchi consideri ancora la democrazia e lo stato di diritto  punti di riferimento fondamentali. Erdogan - conclude Pittella - sta  invece trasformando sempre di piu' la Turchia in un regime autoritario personale. Di fronte a tutto questo, l'Europa non può chiudere un  occhio e restare in silenzio".       

CONDIVIDI