VERNIA SPIEGA A FIGLIO (FINTO) TAGLIO TASSE, COME LA FRITTATA

Mi dispiace non ci sono cartoni in Tv, per ora solo politici in campagna elettorale". Il comico Giovanni Vernia,  decide, allora, di spiegare al figlio sul seggiolone che cosa è la  campagna elettorale: "Immagina - dice in un video diventato virale e  con un hashtag #UnGiornoCapirai - che le verdure sono le tasse, e a te non piacciono le verdure, ma papà di nascosto le frulla e te le mette  nella frittata".       

"E tu - aggiunge tra le risate del piccolo - dopo che l'hai mangiata  senti un sapore strano e capisci che qualcuno ti ha infilato le  verdure a tradimento, ma poi papà dà la colpa alla mamma". "Tu non  saprai mai chi ha fatto la frittata - conclude - ma la realtà è che,  ormai, ti sei mangiato la frittata". 

A REGGIO I CARRI DI CARNEVALE ACCUSANO SINDACO, TROPPI SELFIE

I carri di Carnevale a Reggio Calabria  scendono in campagna elettorale. Nel capoluogo calabrese, nel corso  della tradizionale manifestazione su Corso Garibaldi, il carro che  apriva il corteo si rivolgeva così al sindaco, Giuseppe Falcomatà,  ricordando come la città fosse "bella e gentile … na vota, mentri 'u  sindicu selfia…". Traduzione: città bella e gentile una volta...  mentre il sindaco si dedica ai selfie".                              

COMAZZI REGALA CIOTOLE PER I CANI PERSONALIZZATE

Già nei manifesti per l'elezione del  sindaco di Milano, appoggiando Parisi, due anni fa, non aveva nascosto il suo feeling con il mondo animale: la sua foto, lo vedeva  accovacciato in compagnia di un bel cane lupo. Lo slogan era "Vota  Comazzi - il miglior amico per Milano". Il forzista Gianluca Comazzi  ora torna in campo, non dimenticando il suo amore per i cani: per il  2018, in vista del voto del 4 marzo, replica i manifesti e aggiunge il gadget, una ciotola con slogan elettorale.   

LA PUBBLICITA' IN BOTTIGLIA DI ALFREDO ZINI

50 anni, milanese, ristoratore a Milano,  da sempre nel mondo del ciclismo, coordinatore dell'associazione  Botteghe storiche. Metto a disposizione la mia esperienza maturata  negli anni nei settori del commercio, del turismo e dello sport".  Alfredo Zini in lista con il Pd, si presenta agli elettori con  l'etichetta di una bottiglia di vino rosso, realizzata ad hoc per il 4 marzo.

MELONI (QUASI) COME GARIBALDI, 'QUI SI FA L'ITALIA'

Qui si fa l'Italia'. Giorgia Meloni,  leader di Fratelli d'Italia, ci mette la faccia sui poster che  invitano a votare per la formazione di centrodestra.       

Un motto - il suo - che riecheggia, ma solo nella prima parte, la  frase più nota del Risorgimento italiano, pronunciata da Giuseppe  Garibaldi, secondo quanto riportato dallo scrittore Giuseppe Cesare  Abba.        "Qui si fa l'Italia o si muore", rispose il generale a Nino Bixio,  che, durante la battaglia di Calatafimi, dopo lo sbarco dei mille, il  15 maggio del 1860, temeva per l'esito dello scontro, contro le  preponderanti truppe borboniche. 

 

CONDIVIDI