L'accordo raggiunto nel corso del  Congresso della Cgil sull'elezione di Maurizio Landini a segretario  generale del sindacato "è un bellissimo segno, perché  un'organizzazione deve avere al suo interno tante sensibilità per  essere rappresentativo. Però queste sensibilità è importante che  trovino convergenza su alcuni punti di merito e in circostanze  importanti come i congressi". Lo dice, ai microfoni di 'Radio Anch'io' Sergio Cofferati, ex segretario generale della Cgil. Si è trattato di  un accordo, aggiunge, "raggiunto anche grazie all'intelligenza e alla  disponibilità di Colla". 

CONDIVIDI