''Non c'è futuro per la nostra società  senza un patto intergenerazionale tra giovani e pensionati, fondato  sui valori della solidarietà, del lavoro e della centralità della  persona''. Lo ha detto oggi la segretaria generale della Cisl,  Annamaria Furlan chiudendo a Roma il ''Corso lungo giovani'' della  Federazione nazionale dei pensionati della Cisl.       

''Ha fatto bene la Fnp Cisl ad organizzare questo corso di formazione  davvero innovativo presso il nostro Centro Studi di Fiesole,  valorizzando un gruppo di giovani che hanno scelto di cominciare con  convinzione il loro percorso professionale proprio nelle strutture  della FNP Cisl '', ha detto la Furlan consegnando gli attestati di  partecipazione ai venticinque giovani corsisti. ''Questo è un esempio  concreto di solidarietà tra le generazioni. Uno stimolo per tutta la  Cisl che deve puntare sempre di più sui giovani per il futuro della  nostra azione sindacale nei territori e nelle categorie, recuperando  anche i ritardi del passato'', ha sottolineato.       

"Gli stessi giovani non diventino professionisti del sindacato - ha  concluso - ma operatori sindacali che attraverso la professionalità e  la competenza potranno dare nei vari territori e nei servizi una  risposta ai bisogni delle persone partendo dai bisogni degli ultimi,  andando controcorrente rispetto a chi predica oggi nel paese la  spaccatura intergenerazionale''.  

CONDIVIDI