''Se Berlusconi vuole cancellare il jobs  act sono d'accordo e questo conferma che la riforma del mercato del  lavoro non ha funzionato e ha peggiorato le condizioni di vita e i  diritti dei lavoratori''. Così il segretario confederale Cgil Maurizio Landini commenta la proposta lanciata da Silvio Berlusconi in vista  delle elezioni di cancellare il jobs act se dovesse arrivare al  governo.       

'Il problema è vedere cosa intende fare dopo. Noi un'idea precisa già ce l'abbiamo e abbiamo presentato per questo la carta dei diritti che  era all'esame del parlamento di questa legislatura'', conclude.       

 

CONDIVIDI