"L'aggressione di Forza Nuova contro le  redazioni dell'Espresso e di Repubblica rappresenta un nuovo  intollerabile atto di squadrismo contro la democrazia e la libertà di  informazione". E' quanto affermano in una nota congiunta l'Ordine dei  giornalisti e la Fnsi.       

"Anche questa nuova 'testata' contro l'articolo 21 della Costituzione  troverà la risposta che merita - si assicura - attraverso  l'illuminazione delle loro attività e delle continue violazioni della  legalità costituzionale".      

  In mattinata, "non a caso, avevamo rappresentato al ministro Minniti  la necessità di monitorare e prevenire le ripetute azioni di minacce  contro i giornalisti che hanno scelto di indagare sulle formazioni  neonaziste e neofasciste. A questo punto - sottolineano Fnsi e OdG -  la risposta dello Stato diventa ancora più urgente e necessaria".  

Il ministro dell'Interno Marco Minniti si è recato nella sede del quotidiano 'la Repubblica' per manifestare di  persona la propria solidarietà dopo il blitz dei militanti di Forza  Nuova di fronte all'edificio che ospita la redazione del giornale.      

''Solidarietà a 'La Repubblica' per  l'inaccettabile intimidazione subita. La libertà di stampa è  sacrosanta e deve essere sempre difesa e garantita, anche e  soprattutto per i giornali non sempre equilibrati ma spesso faziosi  come quello diretto da Mario Calabresi. Ci si confronta con le idee,  non con la violenza''. Lo scrive su Facebook Renato Brunetta,  capogruppo di Forza Italia alla Camera.    

"La libertà di parola e di espressione del  proprio pensiero rappresentano un elemento fondativo di questa Nazione e di questa Repubblica. Per questo condanno con fermezza il vile  assalto di Forza Nuova ai danni de 'la Repubblica', alla cui redazione va tutta la mia solidarietà". Lo dichiara la presidente dei senatori  di Alternativa popolare-Centristi per l'Europa, Laura Bianconi.        

"Le immagini dei fascisti di Forza Nuova  sotto la sede di 'Repubblica' e dell''Espresso' creano profonda  inquietudine. Il loro assalto è pura, inaccettabile violenza. Un atto  intimidatorio vigliacco, dovuto al fatto che le inchieste della  testata hanno meritoriamente, con grande scrupolo professionale, messo in luce la pericolosità della violenza di Forza nuova". Lo afferma il  capogruppo Pd al Senato Luigi Zanda.      

  "Ai giornalisti e a tutti i lavoratori del gruppo  'Repubblica-l'Espresso' va la mia solidarietà e quella delle senatrici e dei senatori del Pd al Senato. E a loro va la nostra esortazione a  proseguire con coraggio il lavoro nella ricerca della verità".     

"Si è verificato un fatto molto grave di  intimidazione da parte di un gruppo di militanti di Forza Nuova nei  confronti del quotidiano La Repubblica e dei suoi giornalisti per  l'opera di informazione che svolgono su alcuni temi della nostra vita  quotidiana". Lo ha sottolineato la senatrice Linda Lanzillotta,  presidente di turno nell'Aula del Senato.      

  "Penso -ha aggiunto- che ciò non possa essere accettato, ma vada  stigmatizzato fortemente. La presidenza intende esprimere la  solidarietà personale e di tutta l'Aula ai giornalisti che liberamente svolgono il proprio mestiere. Spero che questi atti non siano  assecondati da nessuna forza politica presente nel Parlamento e da  quelle che si affacciano alla vita politico-parlamentare in vista di  una impegnativa campagna elettorale".   

"Solidarietà ed affetto a 'la Repubblica'  ed a 'L'Espresso'. Fermare le intimidazioni e le minacce, applicare le norme che vietano la ricostituzione di forze fasciste''. Lo scrive su  Twitter il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso a proposito del blitz di Forza Nuova sotto la redazione di Repubblica a Roma.      

  Intanto la Cgil nazionale in una nota prende posizione e chiede la  reazione compatta di tutte le forze democratiche. "Condanniamo  l'intimidazione fascista di militanti di Forza Nuova - si legge -  avvenuta quest'oggi davanti alla sede de 'la Repubblica' e  'l'Espresso' ed esprimiamo solidarietà ed affetto alle lavoratrici e  ai lavoratori delle testate".      

 "L'aggressione, che è solo l'ultima di una serie di atti vigliacchi e  intollerabili, richiede una reazione ferma e compatta di tutte le  forze democratiche del Paese. Inoltre, è necessario - conclude la nota - che vengano applicate le norme che vietano la ricostituzione di  forze fasciste".      

''Con il volto coperto contro un giornale.  Memoria di avvenimenti atroci che la storia ha condannato. Su certe  cose non si scherza. Diciamo no a Forza nuova, al fascismo e  all'intolleranza. Solidarietà ai giornalisti di 'Repubblica'''. Lo  scrive su Twitter Anna Finocchiaro, ministra per i Rapporti con il  Parlamento.        

"Quando si attacca un giornale si attacca  la libertà di stampa. Solidarietà a @repubblica e ai suoi giornalisti  per il vile gesto neofascista di #ForzaNuova". Lo scrive su twitter la presidente della Camera, Laura Boldrini.   

- ''Solidarietà a Repubblica. Nessuno si  permetta in nessun modo di attaccare la libertà di stampa. In  democrazia c'è spazio per tutte le idee eccetto quelle che per  affermarsi negano agli altri il diritto di esistere''. Lo scrive in un tweet il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti in merito  alla manifestazione organizzata dai militanti di Forza Nuova davanti  alla sede di Repubblica a Roma.