"In materia di sicurezza e immigrazione,  vista la presenza di Salvini, siamo convinti che sia finita la  stagione della sinistra della richiesta di flessibilità in Europa in  cambio di un'accoglienza illimitata. A Matteo Salvini mi sarebbe  piaciuto dire, in sua presenza in quest'Aula, che se è stato un abile  leader della Lega, non è riuscito purtroppo ad essere -come è stato in tutti questi anni il presidente Berlusconi- anche il leader unificante del centrodestra. Sta al ministro Salvini cercare di ricomporre questa frattura". Lo ha detto ieri Mariastella Gelmini, capogruppo di Fi alla  Camera, intervenendo in Aula a Montecitorio per le dichiarazioni di  voto finale sulla fiducia al governo Conte.       

"Signor presidente del Consiglio, e rappresentanti del governo, vi do  una notizia: la campagna elettorale è finita. Il tempo della  propaganda, degli slogan, delle dirette facebook, degli insulti al  Palazzo o alla casta -come la chiamate voi- è finito. Ora il 'palazzo' siete voi: tocca a voi dimostrare di avere la capacità di governare  questo Paese. Vi facciamo sentiti auguri nell'interesse dell'Italia.  Noi come opposizione non faremo sconti, ma saremo sempre in prima  linea nel difendere gli interessi del nostro Paesi. Per tutte queste  ragioni voteremo contro la fiducia", ha concluso Gelmini.     

CONDIVIDI