Per rilanciare il centrosinistra occorre  "andare alle europee con un fronte più ampio promosso anche dal Pd, ma che includa parti della società civile e figure rappresentative della  sinistra, fino ai liberali, e i movimenti civici. Un modo che ha molto più in comune di quanto ne abbia con Di Maio o Salvini". Lo spiega  Carlo Calenda.

     Questo schieramento, sottolinea l'ex ministro, "dev'essere guidato da  Paolo Gentiloni, che si deve candidare alle europee e presto, spero.  In rappresentanza di un mondo che ripensa la democrazia liberale per  preservarla, contro quelli che ci vogliono portare fuori  dall'Occidente e dall'Europa. In un progetto del genere sarei disposto partecipare".    

CONDIVIDI