"La scuola che ho in mente si deve  muovere su dei parametri che dovranno avere al centro dell'attenzione  i bambini. Penso che i nostri studenti siano i nostri principali  attori e noi abbiamo una grande responsabilità nei loro confronti". Lo ha affermato Marco Bussetti, ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca.

Bussetti ha anche ribadito lo stanziamento di 7  miliardi di euro "per sostenere i costi relativi alle certificazioni  degli edifici".        In merito al reclutamento del personale, il ministro ha auspicato  procedure "più veloci, chiare e semplici". "Devono permettere alla  scuola italiana - ha sottolineato - di avere insegnanti giovani. Lo si fa magari anche attraverso dei percorsi paralleli con certificazioni e abilitazioni che i nostri studenti posso ottenere nel loro percorso  universitario".        

Affrontando la questione innovazione, Bussetti ha detto che è  necessario ritrovarla "nella didattica, nella metodologia non solo  nell' acquisto di strumenti ma nel saperli poi usare al fine di  innovare una didattica". "Per questo - ha concluso - occorre lavorare  molto sulla formazione dei docenti perché poi sappiano trasformare  questi strumenti per una didattica innovativa".           

CONDIVIDI