Sergio Chiamparino (Pd),governatore del Piemonte aveva annunciato  «devono passare sul mio cadavere per fermare la Tav». Toninelli ha replicato al governatore con una battuta macabra: «Chiamparino fa sempre battute simpatiche, ma gli direi di stare tranquillo. Potrebbe non esserci mai un treno su quella linea che possa passare sul suo corpo». A controbattere non è stato Chiamparino ma Gianna Gancia capogruppo della Lega in Regione PIemonte che ha affermato "Dichiarazioni surreali, che voglio  ricondurre al fatto che il ministro, ai primi passi, non abbia ancora  avuto modo di studiare seriamente il dossier della Tav: spero voglia  farlo presto".  

"Al ministro dico che ha il diritto di studiare. E il dovere -  conclude Gancia - di capire che ogni indugio sulla Tav si tradurrebbe  in un danno imponderabile alla nostra regione e all'intero Paese, che  finirebbero tagliati fuori dalle ricadute di un'opera strategica".     

CONDIVIDI