"Il reddito di cittadinanza è  una simpatica trovata pubblicitaria. Io che vengo dalla comunicazione  ammiro tantissimo Maroni perché trovo che sia un ottimo comunicatore.  Ha messo insieme quattro misure che nulla c'entrano, sono quattro  bonus, e questa roba l'ha chiamata reddito di cittadinanza, ma non lo  è". Così il sindaco di Bergamo e candidato alla presidenza della  Regione Lombardia, Giorgio Gori, è intervenuto all'evento DeMo 2017  promosso dall'esponente Pd, Alan Ferrari.        "Esiste invece un reddito di inclusione finalmente in Italia, si  chiama Rei, è la misura strutturale che finalmente il governo ha dato  all'Italia e che io apprezzo", conclude il candidato del centro  sinistra nella corsa al Pirellone.     

 

- "C'è questo rischio  grandissimo per il centrodestra di andare finalmente a casa, io penso  che Giorgio Gori sia la persona giusta per ristabilire un primato in  questa Regione". Ettore Rosato, presidente del gruppo del Partito  Democratico alla Camera, non ha dubbi su chi vincerà le prossime  elezioni in  Lombardia.         

"Io penso che Gori abbia quella carica giusta, anche di discontinuità" per guidare una regione "che non è una locomotiva d'Italia, ma è una  locomotiva d'Europa", ha sottolineato a margine dell'evento DeMo 2017 nella cornice di Cascina Darsena a Giussago (Pavia).        

In Lombardia "ci sono tutti i numeri per essere trainanti e Gori ha la capacità  di essere alla quida di questa Regione" con una coalizione  "ampia, larga, sono sigle che interessano poco ai nostri cittadini, ma servono e noi siamo per fare una coalizione più larga possibile in cui ci sia però una capacità di avere un programma coeso, di pensarla alla stessa maniera, di andare al governo per governare e non per  litigare", conclude Rosato.    

 

 

 

 

 

CONDIVIDI