''E alla fine, per regolare meglio i  rapporti con la Libia che cosa si va a recuperare? Il trattato che  aveva sottoscritto Berlusconi nel 2008. Una ulteriore conferma che le  uniche politiche valide, dalla sicurezza al contrasto  dell'immigrazione, dal lavoro al fisco, sono state quelle attuate dai  governi di centrodestra guidati da Silvio Berlusconi. Che anche con la Libia seppe affrontare un dialogo molto produttivo che, in cambio di  aiuti economici, ottenne il blocco delle partenze". Lo dichiara il  senatore di Fi Maurizio Gasparri.       

"Quella linea -aggiunge- fu sabotata dalla politica internazionale con una dissennata decisione che fu imposta anche all'Italia. Gheddafi era certamente un dittatore, ma al suo posto non è che in Libia sia  arrivata la democrazia liberale. Piuttosto un caos nel quale è  diventato difficilissimo muoversi. Il recupero del trattato voluto  fermamente da Berlusconi, dimostra che le sue politiche sono sempre  state le più sagge e lungimiranti. E queste posizioni dobbiamo  rivendicarle davanti alla pubblica opinione e agli elettori, per  ridare a Berlusconi e a Forza Italia il ruolo che meritano in Itala e  nella comunità internazionale''.    

CONDIVIDI