Domani 5 novembre , 4 milioni e 600mila siciliani sono chiamati a votare per l’elezione del presidente della Regione e per i membri dell’Assemblea regionale. Sono cinque i candidati alla poltrona di Palazzo d’Orléan. Fabrizio Micari, rettore dell’Università di Palermo, è sostenuto da Partito Democratico, Alternativa Popolare, Patto dei Democratici per le Riforme-Sicilia Futura - PSI e Arcipelago Sicilia. Giancarlo Cancelleri è il candidato del Movimento 5 Stelle. Claudio Fava, deputato di Mdp e prima in Sel, è il candidato per la lista «Cento passi per la Sicilia«, formata da Mdp, Verdi, Rifondazione Comunista, Possibile e Sinistra Italiana.  #Diventeràbellissima, Forza Italia, Fratelli d’Italia-Noi con Salvini, Udc e Popolari e Autonomisti sostengono invece Nello Musumeci, ex presidente della Provincia di Catania ed ex sottosegretario. Ultimo candidato Roberto La Rosa, sostenuto dalla lista Siciliani Liberi.

 In famiglia, con gli amici, tra i  fornelli. E in Chiesa. Nelle ultime ore prima del voto di domani che  consegnerà alla Sicilia un nuovo presidente della Regione i papabili  governatori si concedono un breve ritorno alla 'normalità'. Archiviati comizi, incontri e dibattiti a caccia del voto utile, terminati i tour estenuanti da un capo all'altro dell'Isola per convincere gli indecisi e 'zittiti' dal silenzio elettorale i cinque uomini in corsa per  Palazzo d'Orleans si preparano ad affrontare il responso delle urne. 

Ognuno a suo modo, ovviamente. Prima degli scatti dei fotografi pronti a immortalarli nei seggi, scheda elettorale in mano, c'è tempo per un  po' di relax. Lontano dai riflettori, dagli attacchi e dalle polemiche che hanno caratterizzato la lunga campagna elettorale.       

Nello Musumeci, l'uomo su cui punta il centrodestra, già da ieri è  nella sua Militello Val di Catania. "Tornare nel mio paese natio per  la chiusura della campagna elettorale mi scalda il cuore!" ha scritto  su Facebook, poco prima del comizio con cui ha lanciato il suo ultimo  appello al voto. E proprio nella cittadina del Catanese l'ex  presidente della Provincia di Catania domani, alle 11, voterà nel  seggio del plesso elementare di viale Regina Margherita. Poi tappa  all'Hotel Nettuno a Catania dove è stato allestito il suo quartier  generale per seguire gli exit poll. Nell'attesa dei risultati, però,  c'è tempo per qualche ora insieme agli amici e alla famiglia.  "Immancabile la tappa nella sua casa di campagna a Militello per  riabbracciare i suoi amati cani, primi tra tutti Bimba e Lulù, a cui è legatissimo" spiegano dal suo staff.      

Passeggiata al mare con la compagna Elena, e pranzo a  Mondello, borgata marinara di Palermo, invece, per Giancarlo  Cancelleri. Dopo aver percorso in lungo e in largo l'Isola in  compagnia di Luigi Di Maio il candidato governatore del M5s ha chiuso  ieri sera a Palermo la sua campagna elettorale. Comizio in piazza  Verdi con Beppe Grillo e Alessandro Di Battista, oltre all'immancabile Luigi Di Maio, che si è lanciato in un appello al voto in dialetto  siciliano. "Oggi pomeriggio torno a casa con Elena - dice  , andiamo a fare la spesa perché il frigo è vuoto e  stasera mi dedico ai fornelli, così mi rilasso un po'". E dopo cena  quattro passi con gli amici, prima di spostarsi a Caltanissetta, dove  domani alle 11.30 il pentastellato voterà all'istituto tecnico  commerciale per geometri in via Filippo Turati, 273. Sempre a  Caltanissetta, in via Ferdinando I 67, sarà allestita la sala stampa,  da dove i giornalisti accreditati potranno seguire lo spoglio in  diretta.       

Relax in compagnia della moglie anche per Fabrizio Micari, sostenuto  nella corsa a Palazzo d'Orleans dal centrosinistra. Dopo una tappa al  comitato, il rettore dell'Università di Palermo ha scelto via Principe di Belmonte per un aperitivo in compagnia della neo sposa Giusy Lenzo. Nel pomeriggio shopping tra i negozi del centro a 'caccia' di un  giubbotto, dopo averne smarrito un altro durante le varie tappe della  campagna elettorale. Stasera, infine, cena con gli amici. Domani alle  11 Micari voterà nella sezione 407 della scuola De Gasperi, in piazza  Papa Giovanni Paolo II a Palermo. Ad accompagnarlo ci sarà la madre,  Emilia, di 83 anni, poi accompagnerà la moglie Giusy al suo seggio. E  in attesa dei primi exit poll tappa a Mondello per un pranzo a base di pesce con gli immancabili spaghetti con le vongole di cui va ghiotto.