"Mostrare da Fabio Fazio il simbolo  di +Europa, una lista che in poco tempo e con l'Italia sotto la neve  dovrà raccogliere le firme, è stato un modo per poter dire a milioni  di italiani che alle prossime elezioni noi ci saremo. Il Pd? La legge  elettorale non parla né di programmi comuni, né di candidati premier  comuni. Prevede un apparentamento tecnico. Con il Partito democratico  abbiamo piattaforme diverse su diversi punti. In questa campagna  elettorale però dobbiamo frenare l'ondata sovranista, nazionalista,  anche un po' razzista, che va alla grande in molti paesi europei, e  difendere con le unghie e con i denti il progetto europeo, che è  l'unico futuro possibile in questo mondo così incerto". Lo ha detto la leader di +Europa, Emma Bonino, intervenendo questa mattina a Circo  Massimo su Radio Capital.       

"Se alziamo lo sguardo oltre il Grande Raccordo Anulare, vediamo Putin da una parte e Trump dall'altra, il dramma del Mediterraneo che è a  ferro e fuoco, la Cina e l'India: la sola idea di avere 28 staterelli  ognuno per conto suo alla deriva fa tremare. Difendiamo questa Europa  - è l'appello dell'ex ministro - perché è l'unico modo per renderla  migliore". 

Sulla proposta dell'obiezione di coscienza negli  ospedali cattolici lanciata dall'arcivescovo di Trieste e  dall'arcivescovo di Torino, Bonino ha spiegato: "Le leggi dello Stato  vanno applicate, le istituzioni si attrezzino in modo da far applicare la legge. L'obiezione di coscienza la stiamo vedendo anche nei  confronti della legge contro l'aborto clandestino, la 194: in alcune  regioni non è applicata da nessuna parte, mentre il Lazio, ad esempio, ha preso già delle iniziative con concorsi per medici non obiettori.  Chi deve fare rispettare le leggi per tutti i cittadini deve  attrezzarsi senza che i cittadini debbano giudicare le coscienze  altrui".       

"Il mio testamento biologico? L'ho fatto al Senato durante il tragico  e volgare dibattito su Eluana Englaro, ma come se non bastasse l'ho  fatto anche dal notaio. Sullo Ius soli - ha continuato Bonino - non  c'è molto da sperare dal punto di vista aritmetico. Ma non c'è niente  di più fragile della politica. Può succedere che possono anche  cambiare idea. Il nostro dovere è non smettere di lottare ed evitare  di farci dire delle bugie tipo 'non c'è tempo': ho abbastanza  esperienza parlamentare per sapere che quando c'è l'interesse si fanno sedute notturne, diurne, a pranzo, a cena. Non è una questione di  tempo: dobbiamo continuare - ha concluso la leader di +Europa - ad  esercitare pressione politica".   

 

CONDIVIDI