Un governo a guida Pd. Obiettivo,  riscrivere la legge di bilancio, riformare la legge elettorale e poi  andare a votare. E' la tabella di marcia indicata dal capogruppo di Fi alla Camera Renato Brunetta, per uscire dalle incognite aperte dalla  sconfitta del Sì e dalle dimissioni di Matteo Renzi.      

  "Renzi - ha detto Brunetta in sala stampa alla Camera - ha diviso  l'Italia e ha fallito al referendum ma ora tutti insieme abbiamo il  dovere di dare delle risposte concrete. Abbiamo perso mille giorni.  Quando il presidente della Repubblica ci convocherà, diremo che il Pd, come partito di maggioranza relativa, deve mettersi a capo di una  maggioranza, autonoma, per approvare al più presto la legge di  bilancio".      

  "Non quella Padoan-Renzi, piena di buchi e di marchette, ma una legge  di bilancio seria, utile al Paese, in modo che possa essere approvata  da tutto il Parlamento. Poi, sempre in Parlamento, con iniziative dei  gruppi parlamentari e non del governo, riuscire ad approvare una legge elettorale, su base proporzionale e con un premio di governabilità.  Dopo l'approvazione della legge elettorale - ha concluso Brunetta - si dovrà andare a votare: che sia in primavera, in autunno o nel 2018  poco conta l'importante è ridare la parola ai cittadini. La democrazia fa bene al Paese".       

CONDIVIDI