"La debacle del Movimento 5 Stelle è  dovuta al fatto che hanno abbandonato i territori già da anni, io lo  dico da quando c'erano ancora Di Maio e Di Battista come Direttorio".  Lo afferma all'Adnkronos Federico Pizzarotti, che aggiunge: "Mi chiedo cosa abbia fatto in questi anni di Maio come responsabile degli enti  locali, direi niente perché hanno fatto un incontro nel 2016 con i  nuovi eletti e poi più nulla". "Hanno abbandonato ogni comune al suo  destino - accusa Pizzarotti - e hanno continuato a perseguire la linea del non valorizzare i gruppi, non valorizzare i candidati giusti e  fare andare avanti solo gli 'yes man' e non quelli che incarnano  veramente certi valori. Alla lunga i cittadini si stancano di questo  stato di cose e capiscono molto meglio di altri queste dinamiche,  scegliendo poi di votare altri".       

"Il flop del M5s - prosegue Pizzarotti - è arrivato anche perché e'  successo che, finalmente, è evidente che l'impegno costante delle  persone vale più di un bollino e questo lo vediamo anche a Parma. Gli  sconfitti, se ci sono gli sconfitti, sono i partiti. Non è più il  momento in cui si vota solamente il simbolo ma si guarda alle persone, al programma e alla coerenza che si è in dimostrata in questi cinque  anni".       

"E' una soddisfazione nei confronti del Movimento 5 Stelle - conclude  Pizzarotti - aver dimostrato che si voleva soprattutto il bene della  città e che si è messa la città davanti ad ogni cosa, anche agli  interessi personali. In un'ottica magari di lungo periodo e nazionale  poteva convenire di più rimanere sulla scia del M5s, invece abbiamo  messo la città davanti a tutto e l'interesse dei cittadini davanti al  nostro interesse personale, penso che questo abbia pagato".    

CONDIVIDI