"Presentare la squadra prima, il 21 maggio, non è solo un vezzo che mi fa fare un record, ha delle implicazioni non indifferenti perché, dopo che si è eletti la giunta diventa l'oggetto di contrattazione dentro i partiti, con le correnti dei partiti o tra i partiti in ragione dei risultati che hanno avuto. Se tu tiri dentro un consigliere eletto dentro la giunta automaticamente può subentrare uno dei primi non eletti. Io ho tagliato alla radice questo, ovviamente rischiando". Lo ha detto il candidato sindaco di Roma del centrosinistra Roberto Giachetti intervenendo a Radio Radicale. "So perfettamente che quando comunicherò la giunta il 21 maggio nel mio partito e negli altri partiti, siccome la sceglierò io da solo, questo potrebbe lasciare qualcuno scontento - ha aggiunto - Potrebbe anche comportare che qualcuno si storce ma io penso che se vogliamo cambiare davvero bisogna farlo anche senza reti di protezione".

CONDIVIDI