"Con Marina Ripa di Meana perdiamo una  donna di straordinaria vivacità e intelligenza, che negli anni '60-'70 inventava iniziative provocatorie e scrisse libri di memoria ancor più provocatori, il tutto però fatto sul filo dell'intelligenza e del  buongusto". Lo scrive in una nota Fabrizio Cicchitto, deputato di Ap.