Aver ribattezzato 'Merdellum' la legge  elettorale che sta prendendo forma alla Camera in commissione Affari  Costituzionali "mi sembra il minimo", dice il cinquestelle Danilo  Toninelli che ha coniato il latinismo. "È anche poco - dice il  deputato M5S - perché fa capire la  puzza che solleva il mercimonio cui stiamo assistendo, ma non quanto  male può fare a questo Paese".       

Toninelli entra nel dettaglio: "Solo una merda può mettere insieme le  coalizioni, le ammucchiate, il raddoppio delle pluricandidature, i  favori alle liste civetta, l'assenza di preferenze. Questa legge ha  tutti i difetti del Porcellum, ma li peggiora" e come se non bastasse, aggiunge il capogruppo M5S in commissione Affari Costituzionali,  "hanno dimezzato le firme che una lista deve presentare per poter  partecipare alle elezioni. Abominevole".       

Toninelli esclude che, in fondo, la norma dà una mano anche al  Movimento che ha avuto diversi problemi sulle firma false per la  presentazione delle liste. "Ma si figuri - replica - Lo hanno fatto  per le liste civetta che correranno con loro. Nascerà di tutto e vedrà che a cercare posti di sottogoverno sarà anche il partito dell'amore.  Non c'è più la soglia dell'1% e sotto l'uno i piccoli partiti non  eleggeranno nessuno, ma i loro voti andranno alla coalizione".   

CONDIVIDI