"Le parole di Di Maio sono indegne, chieda  immediatamente scusa ai malati terminali, alle loro famiglie e a tutti quelli che hanno provato il dolore infinito di una perdita. Usare per  la sua misera propaganda politica il dolore e la sofferenza è di uno  squallore che qualifica di per sé la persona che ha proferito queste  parole". Lo afferma Alessia Rotta, parlamentare Pd, commentando le  ultime dichiarazioni del deputato M5S Luigi Di Maio, il quale, in un  intervento sul blog di Beppe Grillo ha affermato che "la camomilla a  un malato terminale fa lo stesso effetto di Gentiloni all'Italia di  oggi".       

"Non contento di aver definito, qualche tempo fa, le associazioni dei  malati di cancro delle 'lobby noiose' con tono risentito, Di Maio  dimostra tutto l'abisso della sua miseria umana e politica. Si  vergogni - attacca l'esponente dem - chieda scusa e, qualche volta, si ricordi di essere un rappresentate delle istituzioni".