Ci sentiamo "nelle condizioni di  fare un appello alla Regione Veneto a conformarsi, come già hanno  fatto le altre regioni, non ad una disposizione del governo, ma ad un  testo responsabile frutto di un ampio e approfondito dibattito  parlamentare con il contributo di tutte le forze politiche". Lo  dichiarano Paolo Romani e Renato Brunetta, presidenti dei senatori e  dei deputati di Forza Italia.       

"Il dibattito sul provvedimento sulle vaccinazioni obbligatorie del  ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, è stato molto acceso e non  ingiustificato: il testo nella versione originale, proposta dal  governo, era inaccettabile ed inapplicabile -spiegano i capigruppo  FI-. Un lungo e approfondito lavoro nelle Aule parlamentari, portato  avanti da Forza Italia, ha consentito di contemperare l'obiettivo di  copertura nazionale con i timori delle famiglie, tenendo sempre a  mente solo e soltanto la salvaguardia della salute dei nostri bambini. Oggi ogni temporeggiamento rischia solo di allontanarci dal principio  assoluto ed inviolabile della salute di tutti i nostri cittadini".       

"È per questo che riteniamo che ogni ulteriore rallentamento nella  copertura vaccinale dei nostri bambini possa rappresentare un serio  danno alle nostre comunità, soprattutto per quanto riguarda i soggetti più deboli -proseguono Romani e Brunetta-. La copertura obbligatoria  ottenuta nel provvedimento anche per tutti i soggetti minori e non che sbarcano sulle nostre coste è un ulteriore motivo a favore della  soluzione trovata, grazie, ripetiamo, alla mediazione di Forza  Italia".      

CONDIVIDI