"No, non prendo pastiglie tranquillanti!  Gli italiani danno un bel consiglio: per vivere in pace ci vuole un  sano menefreghismo. A Buenos Aires ero più ansioso, lo ammetto". Così  Papa Francesco in un'intervista a 'Civiltà Cattolica'. Il Pontefice,  intervistato da Antonio Spadaro, direttore della rivista che oggi  festeggia il numero 4.000, dice che dal momento che è stato eletto ha  avuto "un'esperienza molto particolare di pace profonda. E non mi  lascia più. Vivo in pace. Non so spiegare".       

E poi: "nelle Congregazioni Generali si parlava dei problemi del  Vaticano, si parlava di riforme. Tutti le volevano. C'è corruzione in  Vaticano. Ma io sono in pace. Se c'è un problema, io scrivo un  biglietto a san Giuseppe e lo metto sotto una statuetta che ho in  camera mia. E' la statua di san Giuseppe che dorme. E ormai lui dorme  sotto un materasso di biglietti! Per questo io dormo bene: è una  grazia di Dio. Dormo sempre sei ore. E prego".  

CONDIVIDI