Papa Francesco, parlando all'Angelus del nuovo Vatileaks, sottolinea che "rubare" è un reato, "far uscire quei documenti è stato uno sbaglio. E' un atto deplorevole che non aiuta"."Questo triste fatto non mi distoglie certamente dal lavoro di riforma che stiamo portando avanti con i miei collaboratori e con il sostegno di tutti voi. Sì, con il sostegno di tutta la Chiesa, perché la Chiesa si rinnova con la preghiera e con la santità quotidiana di ogni battezzato". Lo dice il Papa all'Angelus. "Perciò - ha detto il Papa all'Angelus rivolgendosi ai fedeli a piazza San Pietro - vi ringrazio e vi chiedo di continuare a pregare per il Papa e per la Chiesa, senza lasciarvi turbare ma andando avanti con fiducia e speranza".

CONDIVIDI