La Segreteria di Stato  vaticana "effettuerà sistematiche attività di sorveglianza volte a  monitorare le modalità con cui l'immagine del Santo Padre e gli stemmi della Santa Sede vengono utilizzati, intervenendo all'occorrenza con  opportuni provvedimenti". Lo rende noto la Segreteria di Stato in una  nota nella quale promette tolleranza zero nei confronti di chi  strumentalizza l'immagine del Pontefice.       

"La Segreteria di Stato, - spiega la nota - tra i suoi compiti, ha  anche quello di tutelare l'immagine del Santo Padre, affinché il suo  messaggio possa giungere ai fedeli integro e la Sua persona non venga  strumentalizzata". Dunque, "per rendere la propria azione di tutela  sempre più efficace rispetto agli scopi indicati, e interrompere  situazioni di illegalità eventualmente riscontrate, la Segreteria di  Stato - sottolinea la nota - effettuerà sistematiche attività di  sorveglianza volte a monitorare le modalità con cui l'immagine del  Santo Padre e gli stemmi della Santa Sede vengono utilizzati,  intervenendo all'occorrenza con opportuni provvedimenti".       

La Segreteria di Stato vaticana, tra le sue funzioni, "tutela i  simboli e gli stemmi ufficiali della Santa Sede, attraverso appositi  strumenti normativi previsti a livello internazionale". Da qui la  tolleranza zero "per rendere la propria azione di tutela sempre più  efficace rispetto agli scopi indicati, e interrompere situazioni di  illegalità eventualmente riscontrate".