"Bravo Lo Russo. Meglio tardi che mai.  Da tempo sostengo la necessità di sedersi ad un tavolo per  risollevare, sulla base di poche e chiare idee comuni, le sorti di una città che si trova in evidente difficoltà". Così il presidente del  Consiglio regionale, Mauro Laus, commenta la proposta avanzata dal  capogruppo Pd in Sala Rossa, Stefano Lo Russo che ieri intervenendo a  'TerrazzaPd' ha offerto, dopo un anno di amministrazione  pentastellata, collaborazione alla sindaca di Torino, Chiara  Appendino, attraverso un patto per la città.       

"A differenza di quanti a destra e nell'estrema sinistra abbiano  sostenuto la sindaca per motivi di convenienza, il nostro supporto non è una stampella occasionale offerta sulla base di chissà quali  'accordicchi' del momento", aggiunge Laus che rilancia: "siamo pronti  e determinati a sottoscrivere un patto per Torino non solo per  indicare una via d'uscita alternativa alla paralisi nella quale si  trova la città da circa un anno ma, ancor di più, per rispondere ad  una domanda nuova dei cittadini, in termini di sensibilità e di  bisogni"       

"Se mancano le grandi idee e una visione di prospettiva finisce per  prevalere la dimensione difensiva e riparatoria della politica e  questo è inaccettabile - prosegue Laus - sono sicuro e certo che la  non interpreterà queste mie parole come una polpetta avvelenata, mai  ne sono arrivate dal sottoscritto e mai ne arriveranno. La nostra è  un'azione di responsabilità che chi ha il compito di amministrare e  lavorare nell'interesse di una comunità, è tenuto ad assumersi",  conclude Laus.       

CONDIVIDI