"E' ovviamente una mediazione. Siamo  partiti da una trattativa in cui saltavano 1,6 mld di euro, li abbiamo recuperati tutti e li spalmiamo in tre anni". Lo ha detto il  presidente dell'Anci Antonio Decaro al termine dell'incontro a Palazzo Chigi sulle risorse per il bando periferie spiegando che bisognerà  attendere il decreto previsto la prossima settimana. Decaro ha ammesso che per "alcuni sindaci non erano la soluzione che volevano, volevano  la soluzione del problema immediatamente".       

"Abbiamo ottenuto un risultato importante -ha continuato- risolvere il problema tra una settimana perché pare che domattina non si potesse  risolvere in aula". Se poi tra una settimana non si dovesse risolvere  "interromperemo le relazioni istituzionali, non partecipando alle  Conferenze Unificate", ha concluso.  

"Abbiamo trovato una soluzione, il  principio è salvo nel senso che i fondi per il bando periferie sono  tutti salvi". Lo ha detto il presidente dell'Anci Antonio Decaro al  termine dell'incontro a Palazzo Chigi sulle risorse per il bando  periferie.     

"Ora dovremo recuperare, in Unificata nei prossimi  giorni, gli 800 mln di euro oggetto di una sentenza della Corte  Costituzionale per sanare l'incostituzionalità dell'articolo che  finanziava per la metà, 800 mln, il bando periferie", ha continuato  Decaro.       

Poi con un "prossimo decreto, previsto tra una settimana-dieci giorni, recuperiamo la norma originaria dando la possibilità a tutti i Comuni  di procedere con la spesa dalla progettazione all'esecuzione dei  lavori ma distribuiremo i fondi nell'arco di un triennio sulla base  delle necessità dei Comuni in modo da non tenere risorse bloccate".       

 

 

 

 

 

CONDIVIDI