"Ho perplessità sulle disposizioni che  prevedono la deroga a tutte le norme dell'ordinamento italiano ad  esclusione di quelle penali. Una disposizione senza precedenti che  consente al commissario di muoversi con assoluta e totale libertà,  imponendogli solo i principi inderogabili dell'Unione Europea e  ovviamente i principi costituzionali". Così il presidente  dell'Autorità nazionale anticorruzione (Anac),Raffaele Cantone in  audizione davanti alle Commissioni riunite Ambiente e Trasporti sul  decreto per Genova. 

CONDIVIDI