La polizia francese ha condotto nella  notte perquisizioni nel domicilio del 39enne che ieri sera ha aperto  il fuoco con un kalashnikov sugli Champs Elysee, uccidendo un  poliziotto e ferendone altre due. L'abitazione dell'uomo, che era noto alle autorità come soggetto radicalizzato, si trova nel comune di  Chelle, nella regione dell'Ile de France.       

L'attacco di ieri sera è stato rivendicato dall'Is con un comunicato  pubblicato sulla sua agenzia di stampa Amaq.    

Dopo l'attacco di ieri sera sugli Champs Elysee, costato vita ad un poliziotto, mentre altri due sono rimasti  feriti, i principali candidati alle presidenziali francesi hanno  annullato i loro impegni, a due giorni dal primo turno di voto. 

Emmanuel Macron, leader di "En Marche", ha fatto sapere che non andrà  a Rouen e Arras, come da programma. "Tenuto conto della situazione e  della necessaria mobilitazione delle forze dell'ordine per garantire  la sicurezza dei nostri cittadini - ha detto - ho deciso di annullare  gli eventi pubblici della mia ultima giornata di campagna. Parlerò ai  francesi oggi a mezzogiorno".       

Anche Marine Le Pen, candidata del Fn, ha annullato l'evento che aveva in programma a Montceau-les-Mines e parlerà alle 10 dal suo quartier  generale a Parigi. Dal canto suo, il candidato di "Les Republicains",  Francois Fillon, ha cancellato la sua presenza ad una manifestazione  che era prevista a Chamonix.      

 

CONDIVIDI